Jeanne e l’amore maledetto per Modi nella comune sregolata di Montmartre

Scrive Cristina Bongiorno:

«La Pulvirenti restituisce, a pennellate di dettagli, l’atmosfera fisica e psicologica della comune di artisti squattrinati di Montmartre dove gravitano, per citare solo alcuni pittori, Chaim Soutine, Maurice Utrillo, Moise Kisling, Diego Rivera, Pablo Picasso nel suo periodo blu senza acquirenti, Marc Chagall e Tsuguharu Foujita il giapponese che suole sedurre con orientali gesti sornioni, non a lungo amante di Jeanne, che le attribuirà il nomignolo di Noix de Coco, “per la pelle bianca come il latte e i capelli come il suo guscio ramato”.»

Leggi l’articolo completo qui

Copyright © graziapulvirentipuggelli.com 2020. All Rights Reserved.